Chi siamo

   Edison è la società dell'energia più antica d'Italia ed una delle più antiche del mondo. E' il secondo operatore italiano nell'energia e primo tra i privati. Produce, importa e vende energia elettrica e idrocarburi (gas naturale e petrolio).
Edison è quindi attivo in tutta la filiera dell'energia, dall'approvvigionamento alla produzione, distribuzione e vendita di energia elettrica e di gas.

Nel settore elettrico Edison dispone di una potenza installata di circa 6.500 MW a cui si aggiunge la quota di competenza Edison in Edipower pari a 3.500 MW (Edison può ora disporre del 50% dell'energia prodotta da questa società) ed intende raggiungere una capacità di 14.000 MW entro il 2007 con una quota di mercato del 20%.

Sul piano commerciale, Edison è stata protagonista del mercato libero dell'energia elettrica sin dagli inizi degli anni '90.

Oggi la Società rifornisce direttamente:
• oltre 5.000 clienti industriali,
• 80 fra i principali consorzi italiani,
• più di 160.000 clienti civili,

oltre a raggiungere circa 650.000 clienti attraverso società partner sul territorio.

Anche nel gas Edison si propone di raggiungere, con la vendita di 20 miliardi di m3/anno entro il 2007, una quota di mercato del 20%.
L'attività di Edison nel settore idrocarburi consiste in:
• esplorazione e produzione di gas naturale e olio greggio con 46 concessioni e 27 permessi esplorativi (all'estero è presente in Croazia, Egitto, Costa d'Avorio, Algeria e Senegal);
• riserve di idrocarburi pari a 26 miliardi di m3;
• 3.178 km di condotte in bassa e media pressione in Italia per la distribuzione agli utenti finali.

Il 2005 è stato caratterizzato da un'intensa attività di sviluppo: Edison sta completando uno dei più significativi piani di crescita realizzati in Europa negli ultimi dieci anni, attraverso investimenti importanti per il business e per lo sviluppo del Paese. Gli investimenti nel 2005 hanno superato i 600 milioni di euro e hanno generato oltre 5 milioni di ore di lavoro nei cantieri del gruppo e hanno creato occupazione indiretta per l'equivalente di circa 3.000 persone di imprese terze che si aggiungono ai 2.300 dipendenti aziendali.
Grazie a questo impegno, nel 2005 è stato inaugurato l'impianto di Candela, il più efficiente ed ecocompatibile d'Italia e il "fiore all'occhiello" di Edison: per la prima volta in Europa, grazie all'accordo con un importante gruppo florovivaistico italiano, l'energia e il calore prodotti da una centrale alimenteranno 60 ettari di nuove serre e creeranno 300 nuovi posti di lavoro per il Sud. Il sistema centrale-serre costituirà un esempio di iniziativa sostenibile, in grado di costituire un volano per lo sviluppo del territorio in cui opera, valorizzandone ricchezze e competenze.
Nel settore degli idrocarburi, una tappa molto significativa del piano di sviluppo è stata l'apertura dei cantieri per la realizzazione del terminale di ricezione e rigassificazione del gas naturale liquefatto che sorgerà al largo di Rovigo. L'entrata in esercizio del terminale rappresenterà una svolta rilevante non solo per Edison, ma per tutto il Paese, anche alla luce della crisi del gas che durante questo inverno ha fatto emergere più che mai il problema della sicurezza delle fonti e la necessità di diversificare gli approvvigionamenti del gas.
Edison ha inoltre proseguito nel proprio impegno a conseguire le certificazioni ambientali per i propri impianti avviando il processo per la certificazione Emas, la più rigorosa in Europa, anche per la nuova centrale di Candela. Grande attenzione è stata data anche alle energie rinnovabili, con importanti investimenti nel settore eolico, e al risparmio energetico, sia sviluppando servizi innovativi per i clienti, sia attraverso progetti di formazione rivolti alle scuole.